«Per salvare via Kennedy bisogna compiere scelte coraggiose»

Dal sito: apritisangia

Alto Adige, 10.03.2012
  LAIVES. Sullo stralcio del piano traffico presentato l’altra sera in consiglio comunale a Laives, relativo in particolare alla via Kennedy, interviene l’ex consigliere, membro dello “Osservatorio politico per l’alternativa”, Rosario Grasso. «Se non si ha la forza di fare scelte coraggiose – afferma Grasso – il risultato, scontato, sarà quello negativo che si vede a San Giacomo con il traffico. Entro un anno la variante in galleria sarà percorribile ma se si continuerà, come finora, a cedere alle pressioni di chi ritiene il traffico fonte di ricchezza, non si avrà mai un reale riqualificazione della via Kennedy».

Quello che propone Grasso va ben oltre le indicazioni del piano traffico: «Occorre chiudere completamente al traffico il centro cittadino – dice Grasso – istituendo una zona pedonale che comprenda anche la via Pietralba, la parte alta di via Noldin fino alla farmacia e un tratto di via Kennedy, approssimativamente dal supermercato Despar fino all’albergo Casagrande».
Grasso quindi sottolinea che servirebbe un uso appropriato anche dei sensi unici per imporre il massimo utilizzo della galleria invece che delle vie cittadine. «Va abbandonata l’idea – conclude – che il traffico serva per far lavorare i negozi. Se si teme di scontentare i commercianti, la riqualificazione sarà parziale».
Alto Adige 10-3-12

————————————————————————————————————————————————————————————-

IL COMUNICATO INTEGRALE

Entro la fine di quest’anno è prevista l’ultimazione del tunnel della variante che dovrebbe liberare Laives dalla morsa del traffico. Il risultato non è scontato e l’esempio negativo di San Giacomo sta a dimostrare che, senza scelte coraggiose, non si avrà mai una reale riqualificazione. D’altra parte la decisione di quale centro dare alla città doveva essere presa per tempo ed invece finora si è solo ceduto alle pressioni di chi ritiene il traffico fonte di ricchezza. Ecco allora che il piano presentato l’altra sera in consiglio comunale, non poteva che confermare l’impossibilità, visti i paletti entro i quali l’esperto ha dovuto  muoversi, di una svolta radicale sulla viabilità.

Se infatti non si mette in conto la possibilità di chiudere completamente al traffico il centro cittadino istituendo una zona completamente pedonale che comprenda la via Pietralba, la parte alta di via Noldin fino alla farmacia e un tratto della via Kennedy – approssimativamente dall’albergo Casagrande fino almeno al supermercato Despar-, non si potrà mai parlare di effettiva riqualificazione. Naturalmente occorre anche un sapiente uso dei sensi unici che impediscano l’attraversamento della città usando le cosiddette vie di gronda (Via Marconi, via Sottomonte, ecc.), e che dirottino tutti i veicoli in galleria. In quanto alle situazioni di emergenza per incidenti, o anche per la normale manutenzione del tunnel, esiste sempre la possibilità di deviare gli automezzi in autostrada o di ricorrere ad un arredo urbano rimovibile che permetta, in questi casi, il transito almeno del traffico leggero.

Occorre però abbandonare l’idea che ai negozi sia indispensabile accedere con la macchina e che i parcheggi debbano essere contigui ai negozi. Se si teme di scontentare determinate categorie e non si hanno idee su come rivitalizzare il centro cittadino, gli interventi non potranno che essere parziali, costituiranno al massimo un palliativo, ma non potranno mai risarcire gli abitanti dei disagi che per anni hanno dovuto subire.

L’istituzione quindi di una vera zona pedonale con un arredo urbano accattivante e la costituzione di  un centro commerciale naturale accompagnato da una serie di iniziative che coinvolgano  gli stessi operatori commerciali, potrebbe ridare vita al centro della città mantenendo sul territorio non solo gli acquirenti laivesotti, ma addirittura richiamando da fuori nuovi clienti.

Osservatorio politico per l’alternativa – Laives

Annunci
Questa voce è stata pubblicata in Comunicati, Rassegna stampa e contrassegnata con , . Contrassegna il permalink.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...